Gualtiero Bertelli

Gualtiero Bertelli è nato a Venezia nel 1944, figlio di operai, frequenta l’istituto magistrale per poi dedicarsi all’insegnamento elementare, coltivando contemporaneamente studi musicali.
I suoi primi testi sono in veneto. Bertelli è infatti profondamente radicato nel suo ambiente sociale e politico. Parla, scrive e canta in dialetto, ricorrendo all’italiano quando il discorso si allarga e quando riguarda persone e situazioni al di fuori del contesto in cui le canzoni nascono.
Nel 1964 forma “il Canzoniere Popolare Veneto” con l’aiuto di
Luisa Ronchini (che si muove nell’ambito del “Nuovo Canzoniere Italiano”). Nel 1970 esce “I giorni della lotta”, nel 1975 pubblica il disco “Mi voria saver” e nel 1977 l’album “Nina” che raccoglie tutti i suoi brani migliori.

Mi voria saver perché ‘st‘aria xe ciara e ‘sta zente sbasia che speta el siroco;
‘sto mar grosso che va soto un cielo de piombo e che porta lontan un sol povaro e stanco.

‘Sta zente va, no varda el tempo ciapa do strasse che impegnisse un burcio
la sbarca più in là, dove l’aria xe scura ma l’aqua no riva, la se sente sicura.
Sicura de no morir co i ossi bagnai ma neri de un fumo che no se ferma mai
de un carbon duro e nero come una tomba ti piansi la to tera, casa nova no basta.

Ti rimpiansi do muri in sima a un canal e ti serchi la speranza de tornarghe doman.
Ma te spaca i polmoni ‘st‘aria nera de piera e te par che no riva mai ‘sta primavera.

Anca la piova de geri te par benedeta ti seri i balconi, ti te slavi da la spussa
ti cori in terassa a ciamar su i fioi co parla Marghera tase i disperai.
Ti tasi ogni giorno e ti pensi che mai ti dovevi lassar el to campo e la to casa.
Morir forse negai no xe la nostra condana, ma senza respirar, o brusai de ‘na fiama.

Po ti conti che in fondo sento e trenta xe tanto sento e trenta mila al mese
paga tute le spese. Viver poco te basta cassar fora la miseria se no basta se spera
de poderse salvar. E ti te senti mal serà tra do foghi co l’aqua che cresse e col fumo che tira
tornar no se pol, restar no se vive, crepar xe la sorte che el paron ne destina.
Tornar no se pol, restar no se vive, crepar xe la sorte chel paron ne destina.
Tornar no se pol, restar no se vive, crepar xe la sorte chel paron ne destina.

Annunci

6 thoughts on “Gualtiero Bertelli

  1. < em > 27 gennaio 2008 alle 23:44

    questo post attendevo, senza saperlo. grazie.

  2. < em > 27 gennaio 2008 alle 23:44

    straordinario, cazzo. è davvero bellissimo e struggente.
    ma te spaca i polmoni ‘sta aria nera de piera e te par che no riva mai ‘sta primavera. questa la ripubblico sotto Parole Giuste.

  3. gaz 28 gennaio 2008 alle 23:44

    Grazie Silvano, belle tutte belle.
    Sai che volevo pubblicare anche io “Mi voria saver” ma meglio così, tu hai messo anche la musica e ne vale la pena. Baci

  4. gaz 28 gennaio 2008 alle 23:44

    “Mi voria saver” è la descrizione carica di una struggente malinconia e nostalgia di molti veneziani costretti a lasciare Venezia e andare a vivere a Marghera, lontani dall’acqua alta ma circondati dal cemento e dall’inquinamento…

  5. suburbia 29 gennaio 2008 alle 23:44

    Non lo conoscevo affatto.
    Fortuna che non e’ difficile capirlo, bravo.
    ciao

  6. Sacerdote Anal 6 febbraio 2008 alle 23:44

    W clemente mastella…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: