I have a dream

I have a dream, 40 anni dopo.
l leader dei diritti civili venne assassinato a Memphis il 4 aprile del 1968. Il Rev. Martin
Luther King Jr. pronunziò il discorso conclusivo alla Marcia per il Lavoro e la Libertà che si svolse a Washington D.C. il 28 agosto 1963.

Un giorno questa nazione si alzerà e vivrà sino in fondo il significato del suo credo. Riteniamo che queste verità siano ovvie che tutti gli uomini siano stati creati uguali.
Ho un sogno: che un giorno, sulle rosse colline della Georgia, i figli di ex schiavi e i figli di ex proprietari di schiavi potranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.
Ho un sogno: che un giorno, anche lo stato del Mississippi, ribollente del fervore dell’oppressione, sarà trasformato in un oasi di libertà e giustizia.
Ho un sogno: che i miei quattro bambini vivranno, un giorno, in una nazione dove non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per l’essenza del loro carattere.
Ho un sogno: che un giorno in Alabama, coi suoi depravati razzisti, ragazzini neri e ragazzine nere potranno congiungere le mani con ragazzini bianchi e ragazzine bianche come sorelle e fratelli.
Ho un sogno: che un giorno ogni valle sarà elevata, ogni collina e montagna abbassate, che i luoghi accidentati saranno appianati e che i luoghi contorti saranno resi dritti e che la gloria di Dio sarà rivelata e che tutti gli esseri umani la vedranno insieme. Questa è la nostra speranza. Questa è la fede con cui ritorno nel Sud. Con questa fede potremo scavare dalla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede potremo trasformare i dissonanti contrasti della nostra nazione in una bella sinfonia di fratellanza. Con questa fede potremo lavorare insieme, pregare insieme, lottare insieme, andare in prigione insieme, difendere la libertà insieme, sapendo che saremo liberi un giorno. Questo avverrà il giorno in cui tutti i figli di Dio potranno cantare con significato nuovo- “paese mio, questo è tuo; dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove i miei padri sono morti, terra dell’orgoglio del pellegrino; da ogni lato della montagna lascia risuonare la libertà” – e se l’America è destinata a diventare una grande nazione questo deve avverarsi. Quindi lasciate risuonare la libertà. E quando lasceremo risuonare la libertà, quando la lasceremo risuonare da ogni paese e casolare, da ogni stato e città, potremo affrettare la venuta di quel giorno in cui tutti i figli di Dio-uomini neri e uomini bianchi, Ebrei e Pagani, Cattolici e Protestanti potranno congiungere le loro mani nelle parole del vecchio spiritual Negro, “Liberi, finalmente, Liberi finalmente, grazie a Dio l’Onnipotente, siamo liberi finalmente.”
Annunci

4 thoughts on “I have a dream

  1. fausto 4 aprile 2008 alle 23:44

    quanto vorrei la sua “fede”…
    ciao.

  2. suburbia 4 aprile 2008 alle 23:44

    Si, certo che mi riferivo a questo.
    E poi giracchiando oggi ho scoperto anche che c’e’ questo e questo.
    Oltre naturalmente a questo.
    E visto che trovo fausto qua.. oggi il mio sito sta avendo una impennata incredibile, piu’ di 150 visite, e tutti cercano i 4 aprilanti che sono un commento che mi avevi fatto tu.
    Il prossimo anno ci faccio/ci facciamo un post! :-)
    ciao a tutti e buon we

  3. Alberto 5 aprile 2008 alle 23:44

    Purtroppo il sogno tale è rimasto.

  4. Riverniflood 5 aprile 2008 alle 23:44

    Hai fatto bene ha trascrivere il discorso di King. Avevo 16 anni quando pronunciò quel discorso e me lo ricordo come un fatto di grande importanza per me che stavo vivendo la mia esperienza di immigrato del sud nelle Torino di allora. Anche se ancora non è cambiato nulla in questo mondo non vuol dire che il sogno di King sia morto; sonnecchia in attesa del momento propizio. Ad majora!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: