Eugenio Montale

il sabato poesia: da I limoni

Vedi, in questi silenzi in cui le cose
s’abbandonano e sembrano vicine
a tradire il loro ultimo segreto,
talora ci si aspetta
di scoprire uno sbaglio di Natura,
il punto morto del mondo, l’anello che non tiene,
il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
nel mezzo di una verità.

Lo sguardo fruga d’intorno,
la mente indaga accorda disunisce
nel profumo che dilaga
quando il giorno più languisce.
Annunci

3 thoughts on “Eugenio Montale

  1. paloz 14 settembre 2008 alle 23:44

    Materia di studio del mio scorso (e ultimo) anno scolastico, ogni tanto Montale si è rivelato estremamente vicino al mio modo di vedere le cose.
    Mi ha interessato appunto la sua indagine su ciò che è reale e ciò che ci sfugge, che non possiamo vedere in quanto comuni esseri umani.

  2. novalis 14 settembre 2008 alle 23:44

    E’ vero e giusto Paloz, ma quello che non possiamo vedere possiamo però immaginare, e tu lo sai bene … :-)

  3. suburbia 15 settembre 2008 alle 23:44

    Studiato ed apprezzato gia’ sui banchi.
    In genere le cose che piacciono mentre si studiano non ci piacciono dopo e viceversa. Non Montale.
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: