Artisti Vari – No Nukes (1979)

La storica “cinque giorni” di New York contro il nucleare, tenutasi nel settembre del ’79, divenne un triplo album live con straordinarie esibizioni.
La festa al Madison Square Garden dal 19 al 23 settembre, fu una festa di suoni di canzoni senza frontiere, di jam sessions e di speranza per un futuro in cui, come disse Stephen Stills, “sia possibile costruire un’industria sulla forza benefica del sole. E per far questo partiamo da una chitarra”. La cinque giorni di No Nukes fu una Woodstock “per una causa”, per l’altra generazione, quella dell’impegno degli anni Settanta, meno ottimista, ma altrettanto carica di motivazioni.
La organizzarono quelli del Muse (Musicians United for Safe Energy), un gruppo di musicisti animati dal sano desiderio di cambiare prima l’America e poi il mondo. Capeggiati da Jackson Browne e Graham Nash, allestirono la più grande festa musicale dei nostri anni (e anche l’ultima di tale portata).
La canzone guida fu “Power” di John Hall, che venne eseguita a più voci, nel pieno di un tormento emotivo che è, ancora adesso, perfettamente “raggiungibile” con l’entrata di James Taylor che intona “I know that…”. Sono brividi che hanno quasi trentanni che allora centrarono l’obiettivo di scatenare nei giovani (solo nei giovani?) una nuova passione, a metà tra l’ideale e la politica di tutti i giorni.
No Nukes fu anche il disco di “Crow on the cradle” cantata da Jackson Browne e Graham Nash, della “Stay” divisa fra lo stesso Jackson e Bruce Springsteen, e poi di James Taylor, Carly Simon, Ry Cooder, Chaka Khan, Doobie Brothers, Poco, Crosby Stills & Nash, Gil Scott-Heron, Bonnie Raitt, Raydio, Tom Petty, Sweet Honey in the Rock, Jesse Colin Young e John Hall maestro di cerimonie. 4/5
Annunci

7 thoughts on “Artisti Vari – No Nukes (1979)

  1. suburbia 19 settembre 2008 alle 23:44

    Per forza si diventa nostalgici… sembra che allora si precorressero i tempi. Ora invece….
    Buon fine settimana, ciao

  2. paloz 19 settembre 2008 alle 23:44

    Ahimé, a quel concerto ci volevo andare. Ho decretato che non avrei speso più di 100 euri per spostarmi a Milano, vedere il concerto, pernottare e mangiare lì..
    Ah, me misero me tapino!

  3. cibe 3 dicembre 2008 alle 23:44

    che meraviglia..perche non si puo piu vedere tanta bravura tutta insieme?ma non torneranno proprio piu quei tempi?

  4. novalis 3 dicembre 2008 alle 23:44

    @cibe: su dai! non disperare, se va avanti cosi, con le centrali nucleari, lo faremo noi in italia il “No NUkes” :(

  5. Attentialweb 27 dicembre 2008 alle 23:44

    Il disco ce l’ho e al tempo andai a vedere il film…ora tra gli altri, ho un blog che si chiama No nuke no ogm!!!
    Ovviamente linkandoti, mi sa che ti copio il post!
    Grazie.
    Roby

  6. novalis 27 dicembre 2008 alle 23:44

    @Attentialweb: va bene, avvisami se e quando lo pubblichi. Ciao

  7. Attentialweb 27 dicembre 2008 alle 23:44

    Hei! Quasi una chat!
    Ho riascoltato il disco giorni fa e il tuo articolo è capitato proprio giusto.
    L’ho messo nel mio blog musica-video, con la sola aggiunta di un video appropriato.
    Guarda un pò se ti piace.
    E grazie ancora.
    http://music-foto-video-blog.blogspot.com/2008/12/video-no-nukes-1979.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: